Un Sufi, una mappa, e il pragmatismo della Serenissima